A Chiavari il sesto seminario nazionale di Pastorale Sociale

CHIAVARI – Chiavari ha ospitato il sesto Seminario nazionale di Pastorale sociale, organizzato annualmente dall’Ufficio nazionale per i Problemi sociali ed il Lavoro della Conferenza Episcopale Italiana; la Liguria è stata invitata ad ospitare i quattro giorni di formazione, riservati ai collaboratori degli Uffici di Pastorale sociale di tutte le Diocesi d’Italia, e Chiavari è la sede prescelta. “Verso la terra che io ti (vi) indicherò”: il versetto tratto dal dodicesimo capitolo del libro della Genesi è il tema che ha fatto da filo conduttore al percorso di formazione. In continuità con i lavori della 49esima Settimana sociale dei Cattolici italiani, nell’ambito del cammino sinodale, la Chiesa italiana consolida un processo di ascolto e di cambiamento, cominciato con la riflessione sull’enciclica di Papa Francesco “Laudato sì”, che pone in luce la necessità di una conversione autentica, verso una ecologia integrale che fonde sostenibilità ambientale ed inclusione sociale. I 165 delegati hanno visitato alcune “buone pratiche” liguri, cinque esperienze che mettono in pratica i principi della sostenibilità e dell’inclusione: il Distretto del biologico della Val di Vara, che dal 2013 coinvolge le aziende di sette Comuni; la sede dell’Autorità portuale del Mar Ligure occidentale, a Genova, con le sue esperienze di riconversione ecologica, fra cui la demolizione della nave Costa Concordia; il Consorzio Tassano, che dal 1989 reinveste le risorse economiche a favore della categorie più deboli; il Villaggio del Ragazzo, l’opera fondata da don Nando Negri che gestisce servizi educativi, socio sanitari e assistenziali, per il lavoro e la formazione; e infine Wylab, l’incubatore di startup fondato a Chiavari che dal 2016 seleziona realtà promettenti per testarne la solidità sul mercato e accompagnarne il lancio e la crescita.

Potrebbero interessarti anche...