Con “I cantieri di Betania” si apre la seconda fase del sinodo

DIOCESI – Il cammino sinodale delle Chiese in Italia vive nell’anno pastorale 2022 – 2023 il secondo anno della fase narrativa, dedicato ancora all’ascolto del Popolo di Dio, che prosegue ampliandosi e approfondendosi. L’obiettivo rimane quello di “avviare una nuova esperienza di Chiesa”, così come indicato nel vademecum preparato dalla Cei. Partendo non da zero, ma dall’esperienza delle equipe sinodali, dalle sintesi del primo anno, dal metodo di conversazione spirituale in piccoli gruppi disseminati sul territorio, in un intreccio fecondo con la pastorale ordinaria.
Il coinvolgimento avviene attraverso i Cantieri di Betania, attraverso cioè tre filoni di ascolto, la strada e il villaggio, l’ospitalità e la casa, le diaconie e la formazione spirituale, oltre alla possibilità di attivare un quarto tavolo, specifico per ogni Diocesi, incarnato nella realtà locale. Il cammino del Sinodo intende coinvolgere dunque tutta la comunità, generando occasioni di confronto al di fuori della comunità. La scelta del cantiere da prediligere andrà interpretata alla luce di un profondo discernimento dell’esperienza vissuta; il che porterà, nel lavoro successivo a delimitare gli ambiti di riferimento, approfondendo ciascun tema e immaginando alcuni passi concreti.

Il documento per la seconda fase del sinodo: Cantieri di Betania_page-0002

Potrebbero interessarti anche...