Messa di Pasqua nella casa di detenzione

CHIAVARI – Non lasciamoci vincere dalla paura, non lasciamo che le vicende della vita soffochino il dono che il Signore ci ha fatto con il battesimo. Sono parole di speranza quelle pronunciate dal Vescovo durante la Messa di Pasqua nella casa di reclusione di Chiavari, rivolte in particolare ai detenuti riuniti nel refettorio della struttura. Tutti, ha spiegato Mons. Tanasini, partecipiamo della resurrezione di Gesù.
La Messa con il Vescovo arriva sempre dopo un attento cammino di preparazione: la Pasqua è un momento forte anche per chi ha commesso un crimine e sta scontando la sua pena.
Alla celebrazione – animata dalla sorelle Clarisse di Leivi – erano presenti come sempre alcuni volontari: un modo per far sentire la comunità diocesana vicina ai carcerati. D’altra parte, la casa di reclusione di Chiavari è stata una delle tappe, il Venerdì Santo, della via crucis dei giovani.

Potrebbero interessarti anche...