Festa di N. S. del Carmine a Castiglione Ch.

CASTIGLIONE CHIAVARESE – Una fede che si fa cammino, accoglienza e fraternità. Sono le strade che Maria indica ai cristiani di oggi. Lo ha ribadito il Vescovo Diocesano nella solennità di N.S. del Carmelo nell’omelia della celebrazione eucaristica presieduta a Castiglione Chiavarese. “Come possiamo dirci comunità cristiana se tra noi siamo divisi, gelosi, contrapposti – ha chiesto Mons. Alberto Tanasini – la fraternità deve esserne il segno distintivo”. Il Vescovo in precedenza aveva puntato l’attenzione sul cammino che la salita al Monte Carmelo, metafora della salita a Cristo, invita a fare a ciascun credente. Una salita morale, spirituale e di fede, rinvigorita dalla parola di Dio e proiettata nella vita eterna. Una festa ancora molto sentita nell’alta Val Petronio quella di NS del Carmelo. I fedeli in questi giorni hanno affidato all’intercessione di Maria le loro preghiere, e lo ha fatto anche chi a causa dell’età non ha potuto partecipare di persona alle varie celebrazioni.

Potrebbero interessarti anche...