Don Tiscornia parroco, predicatore, testimone limpido ed efficace

CHIAVARI – Don Nicola Tiscornia era nato a Buenos Aires, in Argentina, il 7 dicembre del 1914, ma la sua terra d’origine era la Val Graveglia. Qui, nella cappella di famiglia a Santa Maria di Ne, riposeranno le sue spoglie mortali. Tra le due località un itinerario lungo, quanto lunga e fruttuosa è stata la vita del sacerdote. Figlio di Agostino ed Eugenia Podestà, don Nicola nella sua esistenza terrena ha raggiunto numerosi record: 104 anni e 8 mesi di vita, di cui almeno cento vissuti con il vigore che sapeva infondere nel suo passo lesto e nelle sue indimenticabili orazioni. 82 anni di sacerdozio, raggiunti lo scorso 13 giugno, data in cui nel 1937 era stato ordinato sacerdote da Mons. Amedeo Casabona. 55 anni di servizio pastorale in diverse comunità parrocchiali della diocesi, ciascuna delle quali, oggi, lo omaggia con affetto e con il ricordo di una testimonianza limpida ed efficace. Parroco di Barbagelata dal 1937 al 39; successivamente nello spezzino, dal 39 al 46, nella comunità di Maissana. Dal 1946 al 1963 era stato parroco a San Bartolomeo di Leivi, dal ’63 al ’75 a Santa Croce di Moneglia. Infine, dal 1975 al 1992 nella comunità parrocchiale di San Giuseppe a Ri Basso, dove era stato festeggiato con particolare solennità in occasione dei suoi 100 anni. Ritirato a vita privata, era stato nominato Canonico della Cattedrale e, dal 2011, cappellano di sua Santità, Monsignore. Nella Basilica di N. S. dell’Orto celebrava l’eucaristia nei giorni infrasettimanali e prestava servizio come penitenziere, finché la salute glielo ha consentito. Successivamente si è ritirato nella Casa del Clero, accudito amorevolmente dal personale e dalla cognata Lieta, che lo ha sempre seguito in tutto il suo percorso di vita. In occasione del 104 compleanno, don Nicola non aveva mancato di ringraziare con affetto e riconoscenza, tutti coloro che si prendevano cura di lui. Dei tanti incarichi svolti nella vita, tuttavia, ce n’è stato uno propostogli dal vescovo che non si sentiva di ricoprire.

Potrebbero interessarti anche...