Festa del Santo Agostino Roscelli a Bargone

CASARZA LIGURE – Casarza L. ha celebrato Agostino Roscelli. Nato a Bargone nel 1818 e morto a Genova nel 1902, fondò nel 1976 l’Istituto delle Suore dell’Immacolata Concezione. Le religiose, oggi presenti in tutto il mondo, si sono ritrovate in val Petronio per la festa. Domenica, il Vescovo ha presieduto la Messa nella chiesa di S. Martino di Bargone.

Sant’Agostino Roscelli è maestro di coraggio perché legato a Gesù e alle persone. Nella festa dedicata al Patrono della valle celebrata a Bargone – paese natale del Santo, il Vescovo recupera le parole del Papa nella lettera ai preti di tutto il mondo e si sofferma sul termine coraggio. Il Roscelli, spiega, lo alimentava con un rapporto vivo con Gesù, affinché il suo non fosse un sacerdozio di routine, e condividendo la vita delle persone. Le confessava, dava il perdono, ma si preoccupava anche per loro, nel nascondimento e nell’umiltà. Per Mons. Tanasini, questo amore per il prossimo dev’essere anche oggi di tutti i Cristiani.
A Bargone c’erano le suore Immacolatine. Alcune di loro hanno festeggiato il giubileo di professione: Suor Amata Alaghibe, Suor Cecilia Alboronz Cid, Suor Laura Pizzi, Suor Teresina Borrelli e Suor Elisabetta di Gesù Ruocci. Il Vescovo ha rivolto loro un grande grazie: dobbiamo essere grati a queste sorelle – ha detto – che con la loro preziosa presenza hanno servito il Signore e la Chiesa. Le suore dell’Immacolata hanno chiuso da poco i festeggiamenti per il bicentenario del Santo Roscelli e non perdono di vista il carisma del fondatore, né dimenticano i luoghi da lui frequentati.

Potrebbero interessarti anche...