L’ingresso di don Giupponi a Moneglia

MONEGLIA – Moneglia ha accolto il nuovo parroco, don Stefano Giupponi: lo ha fatto con gioia e gratitudine, accogliendo il sacerdote con lo stesso sorriso con cui lui si è presentato ai fedeli delle quattro nuove parrocchie.

Un sacerdote sempre con il sorriso, capace di sacrificio, attenzione e affetto per tutti. Così il Vescovo ha presentato ai fedeli di Moneglia don Stefano Giupponi, accompagnandolo nell’ingresso a Moneglia. Sono quattro le parrocchie che don Stefano è chiamato a servire: Santa Croce, San Giorgio, San Saturnino e Lemeglio. Il sacerdote è strumento di mediazione di Cristo, ha ricordato Mons. Alberto Tanasini: conduce alla salvezza, dunque, con sguardo aperto a tutti; è chiamato ad essere fedele nel molto, e a smantellare la falsa religiosità, indicando la strada della verità.
Tante persone hanno voluto incontrare don Stefano per questo primo saluto; tante lo hanno accompagnato al suo ingresso, per un in carico che si annuncia impegnativo. Da parte del sacerdote, un grazie per l’accoglienza ricevuta, estremamente calorosa e affettuosa, e concretizzata anche dalla riproduzione del Santo Cristo donata al nuovo parroco al termine della celebrazione.

Potrebbero interessarti anche...