Festa del Sacro Cuore a Moconesi

MOCONESI – La comunità parrocchiale di Ferrada di Moconesi ha celebrato la solennità del sacratissimo cuore di Gesù. Nell’occasione il vescovo ha presieduto la messa del mattino. Mons. Tanasini ha richiamato il significato della festa, che ci rimanda all’amore incondizionato di Dio. Quindi ha rivolto ai fedeli l’invito ad attingere a questa devozione per riparare le offese ricevute.

La parrocchia di Ferrada di Moconesi ha una duplice intitolazione: a Santa Margherita e al Sacro Cuore di Gesù. Entrambe le ricorrenze sono state celebrate insieme al pastore della Diocesi, che ha potuto apprezzare la fede e l’impegno dei fedeli sia nella preparazione e animazione della festa, sia nel contribuire al mantenimento dell’edificio sacro per il quale, nel luglio scorso, sono state benedette le nuove vetrate. La solennità del sacratissimo cuore di Gesù è stata preparata con un cammino aperto dalla celebrazione eucaristica per gli anziani e ammalati, proseguito con l’adorazione quotidiana e la celebrazione del sacramento della riconciliazione. Nella messa del mattino, il giorno della festa, Mons. Alberto Tanasini ha messo in rilievo il significato di venerare il cuore di Gesù. Un cuore capace di condividere i sentimenti e le passioni, profondamente umano, ma che al tempo stesso ci traduce il cuore di Dio.
Ci fa capire che Dio ha un cuore, un cuore che è capace di amare di un amore unico, infinito. Perchè è il cuore di un uomo, ma è il cuore del figlio di Dio.
La solennità del Sacratissimo cuore ci interpella anche sul nostro modo di amare, in un tempo in cui è molto facile indurire il cuore, quando sembra che qualcosa tocchi i nostri interessi. Ci sentiamo assaliti e allora ci chiudiamo – ha detto il vescovo che poi ha spiegato –  Non ha fatto così Gesù, il suo cuore è sempre rimasto aperto sino in fondo. Infine l’invito che scaturisce da questa devozione: la riparazione delle offese.
La devozione al cuore di Gesù è anche una devozione riparatrice, fare il bene per riparare al male commesso. Anche questo fa parte del cambiamento del mondo.

Potrebbero interessarti anche...