Le primule della giornata per la vita

CHIAVARI – In occasione della giornata per la vita è tradizione che i volontari dei CAV siano sulle piazze del Tigullio per promuovere la loro attività e al tempo stesso raccogliere offerte che vanno in aiuto alle mamme in difficoltà. L’occasione è anche quella di tratteggiare un bilancio dell’attività svolta nell’anno trascorso. Il Centro di aiuto alla vita di Chiavari, che opera attraverso i due sportelli del Centro Acquarone e di Sestri L., ha aiutato a nascere 17 bambini. Le nuove gestanti che si sono rivolte allo sportello sono state 20, mentre le donne assistite in totale sono 69. Di queste la maggioranza, 66, ha avuto bisogno di aiuti in natura, due hanno avuto un sostegno psicologico e morale, una è stata destinataria del progetto Gemma.

Delle 20 nuove mamme accolte dal CAV, la maggioranza, 12, sono sposate. La fascia di età delle gestanti va dai 18 a più di 40 anni, con un numero maggiore dai 20 a 34 anni. Le donne che hanno chiesto assistenza sono per lo più con diploma medio superiore (11), casalinghe o disoccupate. In quattro casi anche il marito risulta senza lavoro. In cinque casi le mamme hanno già un figlio, 3 ne hanno già due e in un caso 3, mentre le altre sono alla loro prima gravidanza. In un caso il centro aiuto alla vita è riuscito a dissuadere la mamma dal procedere nell’aborto.

Potrebbero interessarti anche...