Epifania, Gesù si manifesta a tutti e caratterizza la missione della Chiesa

DIOCESI – Nell’omelia della Messa per la solennità dell’Epifania, celebrata in Cattedrale a Chiavari, il vescovo Tanasini si è soffermato su due aspetti legati alla manifestazione di Gesù. Il primo, quello che caratterizza la missione della Chiesa, cioè di un Dio che si manifesta a tutti. Il secondo fa riferimento al rapporto tra scienza e fede.

Epifania significa “manifestazione”. E’ uno degli eventi particolari della vita di Gesù in cui egli ha voluto che gli uomini cogliessero il suo mistero. Nel racconto della visita dei Magi vengono affermate due realtà. A sottolinearle il vescovo Alberto Tanasini nell’omelia pronunciata in Cattedrale a Chiavari nella solennità dell’Epifania. Innanzitutto Gesù è venuto per tutti gli uomini e ha voluto che fin dall’inizio questo si sapesse. Non un Dio esclusivo, ma un Dio inclusivo. Da qui nasce la missione della Chiesa che non è fare proselitismo – ha spiegato il vescovo – ma esattamente l’opposto.

“Fare in modo che tutti gli uomini sappiano che il figlio di Dio è venuto per la salvezza di tutti. Che questa salvezza è offerta a tutti e ciascuno”.

Per incontrare il Signore bisogna fare un viaggio, ha spiegato mons. Tanasini, un percorso interiore, guardare in alto per rompere le tenebre che ammorbano il mondo. Ecco allora il secondo richiamo all’attualità. I Magi erano uomini di scienza, guardando il cielo scoprono il segno che li attira a Gesù. In questo tempo – ha osservato il vescovo – siamo molto affidati alla scienza, ma da sola non basta per salvare l’uomo.

“Noi crediamo in una scienza amica della fede e una fede amica della scienza. Ripeto siamo grati delle scoperte che vengono fatte, ma nello stesso tempo siamo consapevoli che si muovono su un altro piano. Sul piano di ciò che è percepibile e misurabile, mentre noi abbiamo bisogno di poter raggiungere anche l’invisibile, ciò che non è misurabile. In questo modo c’è un rispetto reciproco, c’è un aiuto reciproco. Lo dimostrano gli scienziati che credono.”

Potrebbero interessarti anche...