Celebrazioni per il giubileo della famiglia somasca a Rapallo

RAPALLO – C’è una storia pluridecennale che lega Rapallo a San Girolamo Emiliani e alla famiglia somasca. La messa celebrata dal Vescovo nella chiesa. Padre Antonio Brunetti nel 1921 partì da Rapallo e fondò la prima missione somasca in Centro America, a El Salvador; nel ricordo di quello che fu un atto di affidamento e obbedienza a Papa Pio X, padre Josè Antonio Nieto Sepulveda, preposto generale dei padri Somaschi, ha chiesto e ottenuto da Papa Francesco che il 2021 fosse proclamato anno giubilare per la famiglia somasca.
A Rapallo, dove i padri hanno portato avanti la scuola dal 1850 al 1975, per poi trasferire il liceo scientifico all’Istituto Emiliani, il giubileo somasco è stato celebrato nella memoria liturgica del fondatore San Girolamo Emiliani, con la Messa presieduta dal Vescovo, nella chiesa di San Francesco. Memoria, quella della generosità e dello slancio di padre Brunetti, che incarna l’invito di Papa Francesco ad una chiesa missionaria, in uscita. L’impegno dei somaschi per i giovani a Rapallo si è concretizzato nella scuola, poi chiusa, e, oggi, nell’accoglienza di due comunità casa famiglia per ragazzi, gestiti da una fondazione laicale anch’essa somasca; oggi vivono in città tre padri ed un fratello laico, 8 suore che collaborano con le benedettine; tanti sono i ragazzi e le ragazze che si sono formati con loro

Potrebbero interessarti anche...