Si è spento don Gianni Cogorno. Lunedì i funerali in Cattedrale

DIOCESI – Lutto per il clero diocesano. Si è spento don Giovanni Cogorno, sacerdote da tempo ritirato dalla pastorale attiva, accudito nella Casa dei sacerdoti anziani a Chiavari. Aveva 82 anni e il 21 maggio avrebbe raggiunto il traguardo di 60 anni di sacerdozio. Il rosario sarà recitato domenica 4 aprile nella Cattedrale di N. S. dell’Orto a Chiavari alle 19.00. La preghiera sarà trasmessa in diretta tv su telepace 4 canale 218. I funerali si terranno nella cattedrale medesima, lunedì alle 10.30. Anche in questo caso si potranno seguire in diretta TV su Telepace 1 canale 15.

Una vita a servizio della comunità di Chiavari, profondo conoscitore della storia della chiesa, docente ed educatore appassionato. Don Gianni Cogorno ha sempre vissuto così la sua missione di pastore. Nato a Lavagna il 3 febbraio del 1938, il 21 maggio del 1961 viene ordinato sacerdote dall’allora Vescovo di Chiavari Mons. Francesco Marchesani. I suoi primi incarichi pastorali sono a Chiavari (nella parrocchia di San Giovanni Battista è viceparroco dal 1961 al 1973) e poi per altri 12 anni a Rapallo (viceparroco nella Basilica dei Santi Gervasio e Protasio fino al 1985. Poi l’incarico da parroco di Portofino per ben 24 anni, comunità che ha sempre custodito nel cuore nonostante la fatica. Don Cogorno, che dal 2001 diventa parroco anche a Nozarego, resta a Portofino fino alla fine del 2009 quando assume la guida di pastore della parrocchia di Sant’Andrea di Rovereto e diventa rettore del santuario di N.S. delle Grazie a Chiavari. Qui, al Santuario che sorge alle spalle di Chiavari, il 22 maggio del 2011 festeggia il cinquantesimo anniversario di sacerdozio. Il 2013 il Vescovo Mons. Alberto Tanasini accetta le sue dimissioni per sopraggiunti limiti di età. Don Gianni era figura molto impegnata anche nel campo della cultura e della formazione. Laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano (è qui che incontra il fondatore di Comunione e Liberazione Don Luigi Giussani), prima di diventare parroco in Piazzetta ha insegnato religione per almeno due decenni nelle scuole superiori del Tigullio salendo in cattedra al Liceo Marconi, al Delpino e alle Gianelline di Rapallo. Assistente spirituale del centro culturale Newman, ha ricoperto tra le altre cariche anche quella di membro della Commissione Diocesana per l’arte sacra, referente diocesano per il progetto culturale e incaricato per gli archivi parrocchiali. Numerose le pubblicazioni sulla storia della chiesa di Chiavari che portano la sua firma. All’Istituto di Scienze religiose “Mater Ecclesiae” di Chiavari è stato docente di Storia della Chiesa, insegnando anche all’Istituto di scienze religiose di Genova. Don Cogorno era anche legato al Movimento di Comunione e Liberazione a cui aveva aderito fin dalla sua nascita, incontrando in più occasioni il suo fondatore Don Luigi Giussani. Nel Tigullio ha sempre accompagnato con la sua presenza e il suo ascolto tanti giovani della fraternità di Rapallo. Cosa che ha fatto anche nella casa del clero di Chiavari fino a quando la pandemia lo ha permesso.

Potrebbero interessarti anche...