Il saluto di Tanasini: resto tra voi, prima di tutto come fedele

DIOCESI – E’ stato il saluto di un papà ai propri figli quello vissuto in modo toccante e composto quello nella Cattedrale di N.S. dell’Orto a Chiavari. E’ lo stesso Mons. Tanasini a riprendere il filo del saluto fatto poco prima dal Vicario a nome di tutta la Diocesi. Colui che è stato salutato come un padre con cui la chiesa del Tigullio ha camminato in questi 17 anni, nella festa del sacro cuore di Gesù (festa dell’amore tenero di Dio), risponde all’affetto con altrettanto calore. Un passo necessario per il bene della nostra comunità lo definisce nel suo discorso il vescovo Alberto, quel farsi da parte che è espressione della maternità della Chiesa che vuole il bene dei suoi figli. Un distacco particolare, spiega Mons. Tanasini, che spiega come quella del vescovo emerito sia una condizione di vita, non un semplice pensionamento, perchè mantiene profondi legami giuridici, spirituali e affettivi, reali, con la chiesa che lascia. “Questo dicono le leggi della Chiesa. Questo dice soprattutto il cuore. Non mi sentirò per nulla estraneo anche se nascosto” ha proseguito Mons. Tanasini che ha assicurato che si farà carico, specialmente nella preghiera, di quelle che sono le difficoltà, i problemi, le gioie di questa cara comunità. E poi la richiesta di perdono ai suoi preti (che ho amato davvero ma forse non sempre ho capito e forse non ho abbastanza visitato) e a tutta la comunità. Colui il quale tra poco più di una settimana diventerà emerito, ha voluto ringraziare: la mamma e la famiglia che lo hanno sostenuto e aiutato, i sindaci per la loro collaborazione in tutti questi anni, il Vicario Generale e tutti i sacerdoti e i diaconi. “Adesso continua la mia strada” ha concluso Mons. Tanasini che citando Sant’Agostino ha spiegato “Non cesso di essere Vescovo ma ora mi sento molto più un fedele insieme a voi”. E nel ringraziare tutti i fedeli per il bene ricevuto un pensiero è andato anche alla vita di tutti i giorni che oltre alle gioie riserva a volte dei grandi dolori.

Potrebbero interessarti anche...