Celebrazione natalizia per le comunità dei migranti presenti in Diocesi

DIOCESI – Voci da ascoltare: sono quelle degli stranieri che vivono in Diocesi. La loro presenza dà valore al cammino sinodale della Chiesa. Lo sa bene il Vescovo Giampio Devasini che, nella consueta Messa di Natale nella Cattedrale di N. S. dell’Orto a Chiavari, invita le comunità migranti a far sentire la propria voce visto che è iniziata la prima fase del Sinodo, che è quella dell’ascolto.
In Diocesi sono ormai radicati quattro gruppi: quello dei Filippini, dei Tamil, i latinoamericani e gli ucraini. Dopo le festività, ha detto al termine della celebrazione il direttore dell’ufficio diocesano per i migranti, don Beppe Culoma, sarebbe bello incontrarsi tutti assieme per dare il via a questo ascolto chiesto dal Vescovo. Un’altra possibilità – per ridare fiato alle relazioni – è di partecipare al coro ecumenico. Quest’anno hanno aderito per la prima volta gli ucraini. Nel corso della Messa, l’invito è stato esteso anche alle altre comunità.

Potrebbero interessarti anche...