25 aprile: appello del vescovo all’unità e allo spirito di comunità

CHIAVARI –  La celebrazione comprensoriale del 25 aprile, a Chiavari, ha preso avvio con la Santa Messa celebrata in cattedrale dal vescovo Giampio Devasini. Nell’omelia il vescovo ha lanciato un appello all’unità e allo spirito di comunità che oggi più che mai deve contraddistinguere questo anniversario. Partendo da un’analisi di quello che è stata la lotta di Liberazione, la buona notizia della libertà ritrovata, mons. Devasini ha sottolineato come la resistenza sia stato un movimento vissuto non solo in prima linea ma anche mantenuto vivo nella società civile. Da questa è scaturito poi un momento di crescita capace di far ripartire la nazione e che deve essere un esempio per la storia recente. Dopo la Messa in Cattedrale, la cerimonia per la festa della Liberazione è proseguita nelle strade e nelle piazze di Chiavari con la deposizione delle corone di alloro ai busti dei caduti medaglia d’oro, in Piazza Roma con l’alza bandiera e al cimitero monumentale. A chiudere l’orazione ufficiale della presidente dell’ANPI di Chiavari che ha ricordato i giovani che si sono battuti per la libertà dell’Italia e l’esempio di unità che hanno saputo dare nel cammino che ha portato alla scrittura della Costituzione.

Potrebbero interessarti anche...