Veglia missionaria diocesana

veglia-missionariaRAPALLO – La guerra che fa fuggire, la povertà che costringe a lasciare casa. E’ un mondo disordinato, quello di oggi, che sembra aver vanificato la misericordia. Alla veglia missionaria, il messaggio del Papa è stato ripercorso con testimonianze di vita vissuta: la guerra civile nello Sri Lanka, i problemi delle Filippine, la povertà a Cuba, il dramma della Siria. Per ritrovare la misericordia e far sì che l’evangelizzazione sia piena, oggi – ha detto il Vescovo – è necessario partire proprio dalla vita. Ecco dunque il racconto personale di chi è partito dalla propria terra alla ricerca di un futuro migliore. Al centro della Veglia è stato posto l’altro, lo straniero che vive in Diocesi. Oggi si discute molto di accoglienza, dimenticando che lo straniero è un fratello che ha una storia, una dignità, un passato fatto spesso di dolore.

Potrebbero interessarti anche...