Visita della Madonna di Fatima a Chiavari

madonna-di-fatima-a-chiavariCHIAVARI – La forza di attrazione di Maria si è constatata anche a Chiavari: tanti fedeli sono stati richiamati nella Cattedrale di N. S. dell’Orto dall’icona della Madonna di Fatima. Dopo il Rosario, è stata celebrata la S. Messa, presieduta dal vescovo Alberto Tanasini: “l’icona ci invita ad aprire gli occhi dell’anima per vedere quella Signora sempre più bella” ha detto nell’omelia, riportando la frase di Giacinta, una dei tre veggenti di Fatima. Per sei volte la Madonna apparve ai tre pastorelli nel 1917: insieme a Giacinta, Francesco e Lucia, che custodì i tre segreti ricevuti dalla Signora.
Ma i tre bambini vennero chiamati da Maria a un grande impegno: volete offrirvi a Dio in espiazione dei peccati? Il Cuore Immacolato di Maria era ed è afflitto dai peccati del mondo: “la causa di tutti i mali è il peccato -ha fatto notare Mons. Tanasini-: guerre, violenze, truffe; ognuno di questi eventi ha radice nel peccato degli uomini”. In questo modo si va contro l’amore di Dio; c’è un vuoto lasciato dal male commesso; la via di salvezza è Cristo, che ripara la mancanza d’amore degli uomini; siamo avvolti dall’amore di Dio, ma noi lo rifiutiamo. “Non sentiamo compunzione di fronte ai nostri peccati? Non sentiamo un impulso a ripararli, uniti a Cristo?” -ha domandato il vescovo: “vedo con tristezza -ha aggiunto- abbassarsi il livello morale tra noi: vorrei che sentiste una mano tesa, un invito accorato ad abbandonare uno stile, che è vuoto di vita”. Torna quindi l’invito di Maria: convertiamoci all’amore vero. In mattinata Mons. Tanasini ha presieduto la Santa Messa giubilare nella Casa di Riposo Torriglia a Chiavari.

Potrebbero interessarti anche...