L’abbraccio di Savona a Don Gero

don gero marinoSAVONA – Il nuovo Vescovo di Savona – Noli, mons. Gero Marino, nel giorno della Messa di inizio mandato pastorale, è stato accolto sul piazzale della Curia vescovile dalle Confraternite: sono circa cinquanta quelle presenti in Diocesi, otto nella sola Savona. Quindi il breve percorso fino al sagrato della Cattedrale di N. S. Assunta, dove mons. Marino è stato accolto dal sindaco Ilaria Caprioglio che, con emozione, ha detto di aver apprezzato nel corso di un colloquio telefonico, l’estrema semplicità del nuovo Vescovo, e gli ha chiesto di lavorare insieme per arginare la situazione di povertà che interessa strati sempre più ampi della popolazione. Per parte sua, don Gero ha citato Giorgio La Pira e la Costituzione italiana per descrivere quale tipo di collaborazione intenda instaurare con le istituzioni savonesi: inclusiva, attenta agli emarginati, in dialogo con il mondo dellacultura e con quello dei giovani. All’inizio della celebrazione, in una Cattedrale gremita in ogni ordine di posti, attorniato da ottanta sacerdoti, mons. Marino ha ricevuto il pastorale dal Vescovo emerito Vittorio Lupi, segno visibile dell’inizio del suo mandato; e ha accolto con commozione le parole affettuose dell’Arcivescovo metropolita di Genova card. Angelo Bagnasco che ha messo in luce il reciproco legame familiare che si instaura fra vescovo e popolo. Al termine della Messa, mons. Lupi ha consegnato al nuovo Vescovo l’anello dono della Diocesi, che porta incisa l’immagine di Nostra Signora della Misericordia, il santuario mariano caro ai savonesi, e quella di un libro aperto. Grande la commozione di don Gero, che nel corso dell’omelia ha espresso il desiderio di essre un testimone semplice di Gesù, nel legame di fraternità con il clero e con tutto il popolo

Potrebbero interessarti anche...