Veglia diocesana per la vita nascente

https://youtu.be/DyAqFvo1xX8

veglia vitaLAVAGNA – Nella sua formula itinerante la veglia diocesana per la vita ha fatto tappa ieri sera a Maria Madre della Chiesa a Lavagna. Il momento di preghiera, presieduto dal vescovo, è stato animato dai volontari del Movimento per la Vita del Tigullio e del Centro di aiuto alla Vita di Chiavari, Sestri Levante e di Rapallo, S. Margherita Ligure con la partecipazione del coro ecumenico. Nel corso della veglia sono stati letti passaggi dei pensieri, sul tema, della Santa Teresa di Calcutta e del messaggio del Papa per la giornata. Madre Teresa di Calcutta: una donna che ha servito e difeso la vita e ne ha fatto vedere l’unità, dall’attenzione ai fragili, poveri, agli indifesi, sino alla vita dell’uomo nella sua totalità. I messaggi di Santa Teresa di Calcutta, letti durante la veglia di preghiera diocesana celebrata quest’anno a Lavagna, hanno fatto riferimento esplicito a questi temi. Nel discorso che la Santa pronunciò nel 1979 in occasione del ritiro del premio nobel per la pace, e ripreso dal vescovo nella sua riflessione, Madre Teresa diceva: “Più grande nemico della pace è oggi il grido del bambino innocente non nato. Più grave del crimine di una madre che uccide il proprio figlio nel grembo, c’è solo quello che commettiamo noi quando ci uccidiamo a vicenda!” Madre Teresa non ha difeso la vita solo a parole, ha rilevato Mons. Tanasini, ma soprattutto con le opere. Il sogno di Madre Teresa e di Papa Francesco, che nel messaggio per la giornata chiede “Il coraggio di sognare con Dio”, è di fare della difesa della vita una realtà.

Potrebbero interessarti anche...