Giornata delle cantorie e dei ministeri laicali

cantorieCHIAVARI – Nessuno è così povero da non avere nulla da offrire: tutti i battezzati sono chiamati a prestare il proprio servizio nella liturgia. Lo ricorda ogni anno la Giornata dedicata ai Ministeri laicali, quello di addetto al culto, il cosiddetto sacrista, quello di cantore, quello di lettore e quello di ministro straordinario della comunione. I nuovi ministri hanno detto il proprio sì come tradizione nella quarta Domenica di Quaresima, la domenica leatare, nella quale l’approssimarsi della Pasqua si fa più evidente, specie, ha sottolineato mons. Tanasini nell’omelia, nel Rinnovamento dell’esistenza, in forza al cammino quaresimale. Riprendendo il filo rosso della liturgia, incentrata sul tema della luce, il Vescovo ha invitato a riflettere sulla propria capacità dio vedere oltre le apparenze che abbagliano, il Signore, ha spiegato, guarda il cuore, dei piccoli che chiama a servire la Chiesa. Nel corso della celebrazione i ministri hanno rinnovato la propria adesione. Nella nostra Diocesi prosegue un cammino di formazione per i nuovi laici che intraprendono i diversi servizi, e per coloro che già lo svolgono da tempo.

Potrebbero interessarti anche...