Festa dell’esaltazione della Santa Croce

CHIAVARI – “La croce è fonte e strumento di salvezza”. Nel giorno della Festa della Santa Croce, il Vescovo in Cattedrale a Chiavari ha presieduto la solenne liturgia eucaristica invitando i fedeli ad alzare lo sguardo verso di essa. Ad inizio celebrazione il pensiero di Mons. Tanasini, che oggi festeggiava il suo 21° anniversario di ordinazione episcopale, è andato a Cuba e alla Missione Diocesana per cui ha chiesto la preghiera di tutta la chiesa chiavarese.

Fonte e strumento di salvezza. Questo è la Croce. Non solo oggetto di tortura e umiliazione, ma mezzo attraverso il quale il Cristo viene glorificato ed esaltato. Nel giorno della festa della Santa Croce, il Vescovo diocesano ha invitato i fedeli a guardare al crocifisso per riscoprire in esso e chiedere la salvezza. “Noi guardiamo alla croce per ottenere la vita, riconoscendo che essa è sorgente della nostra vita, della guarigione profonda del nostro cuore da tutte le ferite” ha proseguito il vescovo che ha puntato lo sguardo sul gesto del segno della Croce. “Sappiamo che quella croce è segno di salvezza, di misericordia, strada di rinnovamento interiore”. Ad inizio celebrazione il pensiero di Mons. Tanasini, che oggi festeggiava il suo 21° anniversario di ordinazione episcopale, oltre ai ringraziamenti per l’affetto, è andato a Cuba e alla Missione Diocesana, messi a dura prova dal passaggio del ciclone Irma. L’invito è quello di pregare in attesa di conoscere altre forme concrete di aiuto per sostenere Don Paolo

Potrebbero interessarti anche...