Ingresso di don Canepa a Sant’Andrea di Rovereto

CHIAVAIR – Condivisione e comunione: sono le parole su cui è iniziata la storia delle due parrocchie di Bacezza e Sant’Andrea di Rovereto che, ora, hanno in comune il parroco don Giacomo Canepa. Il sacerdote, che ha assunto anche l’incarico di rettore del Santuario delle Grazie, ha fatto il suo ingresso nella comunità di Sant’Andrea, accompagnato dai fedeli di Bacezza, segno esplicito del desiderio di iniziare un cammino comune. Il Vescovo lo ha chiesto esplicitamente, nell’omelia, le due comunità sono chiamate ad un rapporto di comunione, ad aiutarsi, e a sostenersi reciprocamente, vivendo l’unità. Il parroco lo ha richiamato nel saluto finale: Gesù non ha creato i confini, ha detto, ma ha creato la Terra, i rapporti e la loro bellezza. Senza contare, ha aggiunto, che il quadretto della Madonna dell’Ulivo, tanto caro agli abitanti di Bacezza, è stato trovato da un tessitore di Sant’Andrea.

Potrebbero interessarti anche...