Progetto Policoro

Il Progetto Policoro è un metodo globale d’intervento che valorizza la persona nella sua interezza, e la società nelle diverse realtà (ecclesiale, istituzionale, associativa) e realizza opere concrete (cooperative, imprese, microcredito, reciprocità Nord-Sud) capaci di far germogliare speranza e sviluppo e opportunità per i giovani.

Progetto Policoro

LA NASCITA DEL POLICORO

Il Progetto Policoro nasce nel 1995 nella città di Policoro (MT), grazie all’intuizione di don Mario Operti che vide una risposta al problema della disoccupazione giovanile al Sud, nella collaborazione tra Pastorale Sociale e del Lavoro, Pastorale Giovanile e Caritas.

L’EQUIPE DIOCESANA E IL SUO RUOLO

Le tre pastorali lavorando in sinergia costituiscono il nucleo fondamentale dell’equipe diocesana e insieme all’animatore di comunità, un giovane del territorio che lavora con e per i giovani, si rivolgono a tutta la comunità cristiana del territorio favorendo la formazione di una rete capace di attivare processi in grado di rispondere ai bisogni della comunità sul tema giovani e lavoro.

I PILASTRI DEL PROGETTO: GIOVANI-VANGELO-LAVORO

I giovani sono i destinatari e i beneficiari del Progetto Policoro che richiama la comunità affinché abbia cura del patto generazionale e si prenda cura dei giovani disoccupati e di quelli ancora in formazione.

Il vangelo come prospettiva e forza comune per alimentare la speranza.

La creazione di lavoro, aiutando i giovani che hanno idee imprenditoriali a realizzarle e accompagnandoli nel loro sviluppo.

TRE IMPEGNI SPECIFICI

Evangelizzazione, attraverso la cura della relazione e l’accompagnamento dei giovani affinché diventino protagonisti della loro vita.

Formazione e educazione delle coscienze, volta all’acquisizione di competenze per la realizzazione e lo sviluppo personale, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale, l’occupazione, affinché si arrivi a un radicale cambiamento di mentalità in un’ottica di autoimprenditorialità e capacità di affrontare una realtà che cambia in maniera sempre più dinamica.

Impegno che investe in una formazione al lavoro che mette al centro la persona e la sua dignità, la legalità, il bene comune, la generazione di valore.

Gesti concreti, costruendo una rete locale che ha cura e cerca risposte ai bisogni del territorio.